The Cellophane Flowers

Claudio Loi Retromania

The Cellophane Flowers iniziano a fare musica intorno al 2004, pubblicano nella primavera del 2006 il loro primo demo auto prodotto Audio_Normalize e poi nel 2007 arriva il primo CD ufficiale dal titolo Channel 8. La formazione in quel periodo era composta da Davide Strati (chitarra), Enrico G. Dessì (chitarra, tastiere e voce), Paolo Frigau (basso e voce), Sergio Lasi (batteria). 

Quartetto standard dalle sonorità che spaziano nell’universo globale dell’indie rock (ammesso che questa categoria abbia un qualche significato coerente), riferimenti al grunge più viscerale, a furori seventies e altre influenze che rendono questo disco ancora interessante e ascoltabile per tutta la sua durata: otto brani in lingua inglese prodotti in combutta con Alessio Mura che nel 2009 li inserisce anche nella line up di Rockaxia 

Negli anni successivi il loro sound si è affinato arrivando a lambire territori più acustici e più intimisti che rimandano a certe ballate elettriche di Jeff Buckley e soprattutto a Badly Drawn Boy che rimane uno dei loro punti di riferimento. Il video che vi proponiamo dovrebbe risalire al 2010 e ci mostra perfettamente la loro filosofia musicale e di vita in cui la quotidianità è materia prima imprescindibile e tutto ruota in un soffice e delicato rimando alle vicende personali dei protagonisti e del loro piccolo/grande universo. Nel video tra gli altri notiamo la presenza di Federico Orrù aka Neeva

Un altro video del 2012 realizzato in collaborazione con Maurizio Corda (Mucca Macca) ce li presenta in splendida forma ma da qui in poi si sono perse le tracce di questa formazione. Un vero peccato perché avevano tanto da dire e da dare. Ma il rock è fatto così e non si può mai dire cosa ci riserva il futuro.