Oltre il Senso / Signal Reload

Laura Garau Notizie

Anche quest’anno, grazie all’unione tra Spaziomusica e Ticonzero, ritorna il festival Oltre il Senso/Signal Reload in due appuntamenti unici: martedì 7 e mercoledì 8 dicembre lo Spazio Osc/ Dom-OSC ospiterà le performance di Matteo Scano, Hydra Trio, Pororoca, e del trio composto da Fabrizio Casti, Sandro Mungianu e Roberto Zanata

Il 7 dicembre alle 21:00 è in programma Places, performance di Matteo Scano al piano, Lanfranco Olivieri al contrabbasso e Pierpaolo Frailis alla batteria: i tre musicisti porteranno in scena un album in cui viene “sviscerato nel profondo il rapporto tra uomo e natura”, del quale ciascun brano descrive un luogo importante e caro a Scano da un punto di vista naturalistico ma anche emotivo.

Sempre il 7 dicembre, alle 22:00, andrà in scena la performance Gocce dall’inferno – Quadri sonori danteschi degli Hydra Trio: la formazione nasce nel 2019 dall’incontro fra l’attore e regista Matteo Loglisci e il pianista jazz Alberto Saguto, ai quali si unisce il chitarrista e compositore Francesco Medas.

La performance è un recital tratto dal primo libro della Divina Commedia e accompagna lo spettatore in un viaggio che “spazia dalla popular music alle più recenti e raffinate sperimentazioni elettroniche” nei luoghi più celebri della “città dolente”.

L’8 dicembre, alle ore 21.00, si esibiranno i Pororoca: il nome del gruppo deriva “dalla lingua tupi (lingua indigena del Sud America) e significa grande rumore distruttore”. È un fenomeno che si verifica nei fiumi a estuario a causa di uno scostamento della crosta terrestre, un uragano, e fanno in modo che il fiume fluisca all’improvviso in senso opposto.

La Pororoca del Rio delle Amazzoni è uno dei più importanti, che risale il fiume per più di 13 km.

Il trio formato da Alessandro Cau (batteria, percussioni), Tancredi Emmi (contrabbasso) e Federico Fenu (trombone) “nasce con l’intento di cambiare direzione, farlo in maniera inaspettata, prendendo in prestito linguaggi della musica del mondo e dandogli una connotazione diversa da quella per la quale sono nati”.

Sempre l’8 dicembre alle ore 22:00 sarà il turno di Space memory, una performance di e con Fabrizio Casti, Sandro Mungianu, Roberto Zanata. Uno spazio audiovisivo che mette alla prova i sensi, “dove i piani scivolano, i contorni vibrano, i corpi sembrano sfumare, equilibri che un niente può spezzare”.

L’ingresso è gratuito, è necessario essere in possesso del Green Pass. Per richiedere informazioni, contattare la mail spaziomusica@gmail.com, oppure il numero 333 548 5648.

PROGRAMMA: 

Martedì 7 dicembre

  • 21:00 –  “Places” di Matteo Scano
  • 22:00  – “Gocce dall’inferno – quadri sonori danteschi” degli Hydra Trio

Mercoledì 8 dicembre

  • 21:00 – Pororoca in concerto 
  • 22:00 – “Space Memory” di e con Fabrizio Casti, Sandro Mungianu e Roberto Zanata