Musiche Invisibili – Andrea Ruggeri

Luigi Buccudu Ascolti album

Musiche Invisibili è l’album d’esordio di Andrea Ruggeri, batterista di prevalente estrazione jazz, compositore e arrangiatore, che ha già all’attivo numerosissime e importanti collaborazioni con nomi quali Paolo Fresu, Antonello Salis e Elena Ledda

Dopo una lunga gestazione di circa sei anni e una campagna crowdfunding, Musiche Invisibili vede la luce lo scorso dicembre in concomitanza con il cinquantesimo anniversario della pubblicazione de “Le città invisibili” di Italo Calvino, romanzo dal quale Ruggeri prende ispirazione per la genesi delle sette tracce che compongono l’album. Tracce titolate, appunto, con i nomi di alcune delle città descritte nel racconto del grande scrittore italiano.

Tra echi Zappiani, profonde radici Jazz e incursioni nei generi più disparati, l’album alterna atmosfere dilatate, vocalizzi onirici e orchestrazioni raffinate, dipanando una trama fantastica dalla quale ci si lascia trasportare con fascinazione.

Eseguito insieme a ben tredici musicisti provenienti da tutt’Italia, l’opera è prodotta con la collaborazione della Da Vinci Publishing, mixato e masterizzato da Carlo Cantini presso il Digitube Studio e arrangiato dallo stesso Andrea Ruggeri. Il digital artwork è firmato da Elia Casu.