Dead Tourists - La Amara Vita - Big Snuff Studio - Berlino - Villacidro - Bandcamp - ascolti - 2021 - Sa Scena - 24 gennaio 2021

La Amara Vita – Dead Tourists

Marco Cherchi Musica, Recensioni

Tra i suoi non pochi pregi, tanto cari ai reietti quanto ai buontemponi, il vecchio punk Hc ha una variabile costante nel suo moto perpetuo: martellare su quanto poco giusta e benevola sia la vita di tutti i giorni, con tema libero sui motivi, politici o sociali che siano. Che poi lo sia ancora oggi, a distanza di quarant’anni dalle prime sommosse, è spunto per divagazioni filosofiche e socio-culturali catalogabili sotto un tafazziano “ma che colpa abbiamo noi”. E, quanto sia beffarda e indegnamente schifosa la nostra esistenza, sempre e irrimediabilmente, non perdono occasione di ricordarcelo nemmeno i Dead Tourists, band per tre quarti berlinese, ma che ha la faccia – e i baffi arrotolati all’insù – di Giuseppe Murroni.

Il frontman classe ‘85, villacidrese di nascita, è uno che nella scena underground ha ravanato parecchio, sguazzandoci nella veste di talent-scout e promoter di concerti, muovendo band dal Medio Campidano, su e giù per lo stivale, prima di trovare asilo nella fredda capitale tedesca per decidere di salirci, lui stesso, su un palco e sputare testi intrisi di rabbia e nichilismo: “I Dead Tourists sono una scusa per salire su un palco e urlarvi in faccia il fatto che vi odio tutti, e altre cose che in strada non potrei dire senza essere considerato un pazzo”. Nulla di personale, ovviamente. Solo provocazione e fierezza, pilastri portanti per i figli bastardi della scena old school odierna; una attitude che, chi decide di fondare una band Hc in tempi recenti, come Murroni, non può tralasciare di curare meticolosamente nelle movenze e nelle pose. 

Che il progetto Dead Tourists abbia radici solide, seppur recenti – in attivo dal 2015 –, si capisce scivolando nell’ascolto di La Amara Vita, fino alla traccia numero otto, “Tutti pazzi”, attualissimo tributo ai Negazione, assieme omaggio alla scena e sogno nel cassetto coronato dal featuring in studio con Michele “Barox” Barone, storico batterista della band torinese, anch’egli di sede a Berlino. Neanche a dirlo, La Amara Vita, seconda uscita discografica della band, suona squisitamente lercia, spigolosa e vergine come una demo, ma elaborata nel dispiego dei pezzi e non forzatamente nostalgica. Col cantato, poi, si va a nozze, avendo a che fare con un mix minimale ed esasperato di inglese e italiano, dove sembrano essere i pezzi nostrani a risultare più incisivi, con i chorus attaccabrighe di “Guai” e il commiato nichilista di “Un mondo migliore“. I suoni sono artificiosamente scarnificati, manieristici e grezzi come pochi, quasi regrediti rispetto all’album d’esordio, un’involuzione che appare, addirittura, ricercata. 

Ci piace pensarli così i Dead Tourists, chiusi in studio, impegnati a smontare e sporcare, come a dire “siamo ancora troppo puliti”. E va più che bene così, in un genere in cui quanto più si toglie tanto più si guadagna. Era questa, ne siamo convinti fino al midollo, la loro intenzione.

bandcamp icn
Ascolta La Amara Vita dei Dead Tourists su Bandcamp